facebook-TNI Teléfono-TNI Whatsapp-TNI Registro-TNI
=
  • Inizio
  • Impresa
  • Prodotti
  • FAQ
  • Contatti
  • Video
  • FAQ

    Inizio

    >>

    FAQ

    >>

    Compatibilità

  • Applicazione
  • Efficacia
  • Compatibilità
  • Durabilità
  • Qualità
  • Sicurezza
  • Scarica FAQ
  • Applicazione
  • Efficacia
  • Compatibilità
  • Durabilità
  • Qualità
  • Sicurezza
  • Scarica FAQ
  • Microrganismi per il trattamento delle radici:

    I funghi micorrizici, Trichoderma e batteri benefici (PGPR)

    Questa sezione rispondere alle domande più frequenti sui nostri microrganismi per il trattamento di radici per quanto riguarda l’ applicazione, l'efficacia, la compatibilità, durata, qualità e sicurezza.

    I nostri microrganismi possono essere combinati con sostanze chimiche?

    Le istruzioni per l'applicazione dei prodotti biologici dovrebbero contenere un elenco di compatibilità che indichi sull’interazioni con i pesticidi e fertilizzanti chimici. Questo è particolarmente importante per l'inclusione in un sistema integrato e quando sostanze chimiche vengono sostituiti passo passo da alternative biologiche.

    I funghi benefici dei nostri prodotti di solito sono compatibili con insetticidi, erbicidi, antibiotici e anche numerosi fungicidi. Talvolta si osserva una leggera inibizione della crescita per l'azione dei fungicidi. Ad esempio, se un fungicida riduce il successo della colonizzazione del nostro ceppo di funghi Glomus intraradices endomicorrizici Questo fungicida è definito come compatibile mentre il tasso di colonizzazione non scenda meno del 80% del suo valore normale.

    Alte concentrazioni di fosforo (> 40 ppm in una soluzione nutritiva) può ritardare la colonizzazione da parte dei funghi micorrizici al punto da non ottenere che venga raggiunta una entro breve periodo di una produzione di piante. Per alcune colture, come ad esempio il frumento, possono essere ottenute delle raccolte più elevate in piante micorizzate quando si applica la metà di fosfato.

    I batteri benefici presenti nei nostri prodotti in genere tollerano insetticidi, erbicidi, fungicidi, ma non antibiotici.

    In genere non è consigliabile mescolare le spore di funghi e batteri direttamente con pesticidi e fertilizzanti nella stessa vasca. Si richiede una particolare cura nell’applicazione di biocidi antimicrobici con un ampio spettro di azione, quali cloro e perossido di idrogeno.

    Quali pratiche culturali si devono allestire quando si applicano i microrganismi?

    Seguiamo l'obiettivo di una gestione integrata delle colture con un uso sempre più importante di elementi microbiologici, rispettando buone pratiche culturali. I nostri prodotti possono essere combinati con la maggior parte delle sostanze chimiche, tranne alcuni biocidi e fungicidi chimici. Questo permette l'introduzione graduale, senza rinunciare del tutto all'uso di prodotti chimici testati.

    L’obiettivo a lungo termine è quello di sostituire la maggior parte dei prodotti chimici con alternative biologiche. Diamo il benvenuto a ogni cliente che è soddisfatto per gli effetti di microrganismi nel prodotto BactivaMR in modo da rinunciare completamente l'uso di fungicidi chimici contro funghi che causano marciumi radicali.

    I nostri consulenti accompagnano questa nascita della fiducia passo per passo attraverso una rispettosa relazione. Sappiamo che cambiare pratiche tradizionali per una manipolazione biologica sempre include una curva di apprendimento comune. In questo processo valorizziamo l'esperienza maturata in molti anni e la diffidenza di "soluzioni" radicali.

    Raccomandazioni pratiche

    Si raccomanda Pratiche culturali che migliorano l'ecologia e la fertilità del suolo, perché portano alla creazione di humus e inibiscono la diffusione di agenti patogeni. Ciò include l'aggiunta di materia organica e bio-stimolanti che promuovono la vitalità del suolo (composta, humus, estratti di pesce, acidi umici e fulvici, estratti di alghe e altri), la riduzione del lavoro per arare la terra, l’implementazione dell’aratura di conservazione, l’osservazione di densità di colture appropriate e il mix di colture estive e invernali. Il programma nutrizionale dovrebbe adeguarsi ai risultati delle attuali analisi, che comprende anche i microelementi e la misurazione regolare del pH e della conducibilità elettrica. Il nostro consiglio comprende gli aspetti biologici, chimici e organici.

    Quali piante beneficiano dell'applicazione dei nostri microrganismi?

    I microrganismi benefici si associano con le radici di tutte le piante. Il nostro prodotto BactivaMR può essere utilizzato in tutte le colture. Anche le radici di epifite come orchidee, piante ornamentali si trattano di solito commercialmente. L'unica eccezione, i nostri microrganismi non sono adatti per le piante acquatiche.

    I prodotti BactivaMR, EndosporMR e EctosporMR sono stati applicati commercialmente principalmente nelle seguenti colture:

  • Frutta e verdura: pomodori, peperoni, patate, lattuga, cetriolo, fragola, mora, lampone, anguria ...
  • Legumi: fagioli, piselli, soia, fave, ceci, arachidi...
  • Cereali: mais, frumento, orzo, sorgo ...
  • Ornamentali: Stelle di natale,rose, fiori recisi...
  • Foreste / alberi da frutto: pino, quercia, pesche, avocado, noci ...
  • Industriale: canna da zucchero, cotone, palma africana...
  • Spazi verdi: campi da golf, campi per sport, verde urbano ...
  • Micorriza

    Alcune piante non formano micorrize. Ciò include le specie della famiglia delle Brassicaceae (Brassicaceae), Polygonaceae (Polygonaceae), Caryophyllaceae, Crassulacee (Crassulaceae) e Chenopodiaceae. E’ Anche applicabile a molte piante acquatiche o piante associate con l'acqua, come ad esempio la carici (Cyperaceae) e giunchi (Juncaceae) e altre famiglie di piante speciali, tra cui piante parassite e carnivore.

    Queste piante non possono essere trattati con EndosporMR. Tuttavia, tutte beneficiano dei microrganismi inclusi nel BactivaMR (con l'eccezione di piante acquatiche).

    Le diverse specie di piante richiedono diversi funghi formatori di micorriza. Secondo la partecipazione di diversi generi di funghi si distinguono tra i vari tipi di micorrize (ectomicorrize, ectendomicorrize, arbutoides micorrize, ericoid, VA-, e monotropoides orquídeoides).

    Il tipo più comune è la micorrizica VA (micorrize vesículoarbusculares) formato principalmente da funghi del genere Glomus. Qui è consigliato Il prodotto EndosporMR.

    Nel settore forestale è spesso usato prodotto EctosporMR contenente funghi formatori di ectomicorriza Pisolithus e Rhizopogon. Questi funghi colonizzano le radici della maggior parte delle conifere così come tanti alberi latifoglie delle famiglie delle Betulaceae (Betulaceae), Fagaceae (Fagaceae), e Salicaceae (Salicaceae).

    Si può applicare una miscela di Trichoderma e batteri come di Bacillus subtilis?

    La questione viene discussa in termini veementi tra alcuni specialisti. Sulla base delle nostre esperienze abbiamo scoperto che: Trichoderma e Bacillus subtilis possono occasionalmente farsi danno mutuamente per concorrenza e antagonismo , ma anche per parassitismo. Tuttavia, questa interazione negativa è piuttosto rara e di solito abbastanza mite. Cio’ si supera per il beneficio complessivo di una miscela complessa. La combinazione di diverse specie di alte prestazioni dei nostri prodotti aumenta le probabilità di successo e le aree di intervento nelle diverse culture, ambienti e sistemi di produzione.

    Si possono combinare diversi prodotti di microrganismi?

    Una comunità di specie è più stabile quando è composta di un maggiore numero di specie. Questa regola si applica anche per le specie del terreno e lo spazio sotto l'influenza delle radici, la rizosfera. Lo sviluppo della pianta si avvantaggia di una grande varietà di microrganismi nella rizosfera, soprattutto di fronte condizioni avverse.

    Tuttavia, è possibile che microrganismi di diversi prodotti commerciali si presentano in una relazione antagonistica. Ad esempio, batterio fissatore di azoto che non apporta molto di azoto può avere molto successo in concorrenza con altro batterio fissatore di azoto che è ad alte prestazioni. Infine, può accadere che le specie a basso rendimento possono sostituire quelle ad alte prestazioni.

    Per evitare questo, si dovrebbe combinare a prodotti complementari che si sono dimostrati efficaci separatamente. Per soddisfare questi requisiti è probabile che una combinazione di prodotti supera le prestazioni di un singolo prodotto.

    I microrganismi possono combinarsi con tutti i substrati?

    La capacità di un essere vivente per vivere, crescere e riprodursi in una vasta gamma di fattori quali la temperatura, l'acidità, e alta disponibilità di acqua è chiamata la sua ampiezza ecologica. Di solito, i microrganismi hanno una ampiezza ecologica maggiore che le piante, ad esempio possono rimanere in luoghi in cui le piante non sopravvivono. I microrganismi che colonizzano le radici aiutano le piante a tollerare meglio la siccità e gli estremi di pH e temperatura. In altre parole, esercitano un effetto smorzante sulle piante e fanno crescere l’ampiezza ecologica delle piante.

    Ciò risponde a una serie di domande su quello che richiedonoi microrganismi per vivere: le buone condizioni di crescita per le piante sono anche benigni per i microorganismi presenti nei nostri prodotti. Di conseguenza, i microrganismi possono essere combinati con tutti i substrati.

    Tuttavia, si dovrebbe indagare attraverso prove di laboratorio se una soluzione o un substrato sono adatti per conservare miscele di microrganismi per lunghi periodi.

    Per esempio, se i nostri funghi formatori di endomicorriza si conservano miscelati con composta per diverse settimane, allora è probabilmente che non colonizzano bene le radici delle piante. Questo avviene in tre quarti dei casi, a seconda del tipo di composta, ma non è possibile prevedere se la composta è compatibile.

    I microrganismi che vengono alimentati in modo saprofita come Bacillus e Trichoderma possono germinare e colonizzare il substrato a contatto con una quantità sufficiente di acqua. Questo progresso nella crescita è positivo, ma la sua popolazione è in pericolo di declino con stoccaggio troppo lungo.

    =

    FAQ

    Microrganismi per il trattamento delle radici:

    I funghi micorrizici, Trichoderma e batteri benefici (PGPR)

    Questa sezione rispondere alle domande più frequenti sui nostri microrganismi per il trattamento di radici per quanto riguarda l’ applicazione, l'efficacia, la compatibilità, durata, qualità e sicurezza.

    I nostri microrganismi possono essere combinati con sostanze chimiche?

    Le istruzioni per l'applicazione dei prodotti biologici dovrebbero contenere un elenco di compatibilità che indichi sull’interazioni con i pesticidi e fertilizzanti chimici. Questo è particolarmente importante per l'inclusione in un sistema integrato e quando sostanze chimiche vengono sostituiti passo passo da alternative biologiche.

    I funghi benefici dei nostri prodotti di solito sono compatibili con insetticidi, erbicidi, antibiotici e anche numerosi fungicidi. Talvolta si osserva una leggera inibizione della crescita per l'azione dei fungicidi. Ad esempio, se un fungicida riduce il successo della colonizzazione del nostro ceppo di funghi Glomus intraradices endomicorrizici Questo fungicida è definito come compatibile mentre il tasso di colonizzazione non scenda meno del 80% del suo valore normale.

    Alte concentrazioni di fosforo (> 40 ppm in una soluzione nutritiva) può ritardare la colonizzazione da parte dei funghi micorrizici al punto da non ottenere che venga raggiunta una entro breve periodo di una produzione di piante. Per alcune colture, come ad esempio il frumento, possono essere ottenute delle raccolte più elevate in piante micorizzate quando si applica la metà di fosfato.

    I batteri benefici presenti nei nostri prodotti in genere tollerano insetticidi, erbicidi, fungicidi, ma non antibiotici.

    In genere non è consigliabile mescolare le spore di funghi e batteri direttamente con pesticidi e fertilizzanti nella stessa vasca. Si richiede una particolare cura nell’applicazione di biocidi antimicrobici con un ampio spettro di azione, quali cloro e perossido di idrogeno.

    Quali pratiche culturali si devono allestire quando si applicano i microrganismi?

    Seguiamo l'obiettivo di una gestione integrata delle colture con un uso sempre più importante di elementi microbiologici, rispettando buone pratiche culturali. I nostri prodotti possono essere combinati con la maggior parte delle sostanze chimiche, tranne alcuni biocidi e fungicidi chimici. Questo permette l'introduzione graduale, senza rinunciare del tutto all'uso di prodotti chimici testati.

    L’obiettivo a lungo termine è quello di sostituire la maggior parte dei prodotti chimici con alternative biologiche. Diamo il benvenuto a ogni cliente che è soddisfatto per gli effetti di microrganismi nel prodotto BactivaMR in modo da rinunciare completamente l'uso di fungicidi chimici contro funghi che causano marciumi radicali.

    I nostri consulenti accompagnano questa nascita della fiducia passo per passo attraverso una rispettosa relazione. Sappiamo che cambiare pratiche tradizionali per una manipolazione biologica sempre include una curva di apprendimento comune. In questo processo valorizziamo l'esperienza maturata in molti anni e la diffidenza di "soluzioni" radicali.

    Raccomandazioni pratiche

    Si raccomanda Pratiche culturali che migliorano l'ecologia e la fertilità del suolo, perché portano alla creazione di humus e inibiscono la diffusione di agenti patogeni. Ciò include l'aggiunta di materia organica e bio-stimolanti che promuovono la vitalità del suolo (composta, humus, estratti di pesce, acidi umici e fulvici, estratti di alghe e altri), la riduzione del lavoro per arare la terra, l’implementazione dell’aratura di conservazione, l’osservazione di densità di colture appropriate e il mix di colture estive e invernali. Il programma nutrizionale dovrebbe adeguarsi ai risultati delle attuali analisi, che comprende anche i microelementi e la misurazione regolare del pH e della conducibilità elettrica. Il nostro consiglio comprende gli aspetti biologici, chimici e organici.

    Quali piante beneficiano dell'applicazione dei nostri microrganismi?

    I microrganismi benefici si associano con le radici di tutte le piante. Il nostro prodotto BactivaMR può essere utilizzato in tutte le colture. Anche le radici di epifite come orchidee, piante ornamentali si trattano di solito commercialmente. L'unica eccezione, i nostri microrganismi non sono adatti per le piante acquatiche.

    I prodotti BactivaMR, EndosporMR e EctosporMR sono stati applicati commercialmente principalmente nelle seguenti colture:

  • Frutta e verdura: pomodori, peperoni, patate, lattuga, cetriolo, fragola, mora, lampone, anguria ...
  • Legumi: fagioli, piselli, soia, fave, ceci, arachidi...
  • Cereali: mais, frumento, orzo, sorgo ...
  • Ornamentali: Stelle di natale,rose, fiori recisi...
  • Foreste / alberi da frutto: pino, quercia, pesche, avocado, noci ...
  • Industriale: canna da zucchero, cotone, palma africana...
  • Spazi verdi: campi da golf, campi per sport, verde urbano ...
  • Micorriza

    Alcune piante non formano micorrize. Ciò include le specie della famiglia delle Brassicaceae (Brassicaceae), Polygonaceae (Polygonaceae), Caryophyllaceae, Crassulacee (Crassulaceae) e Chenopodiaceae. E’ Anche applicabile a molte piante acquatiche o piante associate con l'acqua, come ad esempio la carici (Cyperaceae) e giunchi (Juncaceae) e altre famiglie di piante speciali, tra cui piante parassite e carnivore.

    Queste piante non possono essere trattati con EndosporMR. Tuttavia, tutte beneficiano dei microrganismi inclusi nel BactivaMR (con l'eccezione di piante acquatiche).

    Le diverse specie di piante richiedono diversi funghi formatori di micorriza. Secondo la partecipazione di diversi generi di funghi si distinguono tra i vari tipi di micorrize (ectomicorrize, ectendomicorrize, arbutoides micorrize, ericoid, VA-, e monotropoides orquídeoides).

    Il tipo più comune è la micorrizica VA (micorrize vesículoarbusculares) formato principalmente da funghi del genere Glomus. Qui è consigliato Il prodotto EndosporMR.

    Nel settore forestale è spesso usato prodotto EctosporMR contenente funghi formatori di ectomicorriza Pisolithus e Rhizopogon. Questi funghi colonizzano le radici della maggior parte delle conifere così come tanti alberi latifoglie delle famiglie delle Betulaceae (Betulaceae), Fagaceae (Fagaceae), e Salicaceae (Salicaceae).

    Si può applicare una miscela di Trichoderma e batteri come di Bacillus subtilis?

    La questione viene discussa in termini veementi tra alcuni specialisti. Sulla base delle nostre esperienze abbiamo scoperto che: Trichoderma e Bacillus subtilis possono occasionalmente farsi danno mutuamente per concorrenza e antagonismo , ma anche per parassitismo. Tuttavia, questa interazione negativa è piuttosto rara e di solito abbastanza mite. Cio’ si supera per il beneficio complessivo di una miscela complessa. La combinazione di diverse specie di alte prestazioni dei nostri prodotti aumenta le probabilità di successo e le aree di intervento nelle diverse culture, ambienti e sistemi di produzione.

    Si possono combinare diversi prodotti di microrganismi?

    Una comunità di specie è più stabile quando è composta di un maggiore numero di specie. Questa regola si applica anche per le specie del terreno e lo spazio sotto l'influenza delle radici, la rizosfera. Lo sviluppo della pianta si avvantaggia di una grande varietà di microrganismi nella rizosfera, soprattutto di fronte condizioni avverse.

    Tuttavia, è possibile che microrganismi di diversi prodotti commerciali si presentano in una relazione antagonistica. Ad esempio, batterio fissatore di azoto che non apporta molto di azoto può avere molto successo in concorrenza con altro batterio fissatore di azoto che è ad alte prestazioni. Infine, può accadere che le specie a basso rendimento possono sostituire quelle ad alte prestazioni.

    Per evitare questo, si dovrebbe combinare a prodotti complementari che si sono dimostrati efficaci separatamente. Per soddisfare questi requisiti è probabile che una combinazione di prodotti supera le prestazioni di un singolo prodotto.

    I microrganismi possono combinarsi con tutti i substrati?

    La capacità di un essere vivente per vivere, crescere e riprodursi in una vasta gamma di fattori quali la temperatura, l'acidità, e alta disponibilità di acqua è chiamata la sua ampiezza ecologica. Di solito, i microrganismi hanno una ampiezza ecologica maggiore che le piante, ad esempio possono rimanere in luoghi in cui le piante non sopravvivono. I microrganismi che colonizzano le radici aiutano le piante a tollerare meglio la siccità e gli estremi di pH e temperatura. In altre parole, esercitano un effetto smorzante sulle piante e fanno crescere l’ampiezza ecologica delle piante.

    Ciò risponde a una serie di domande su quello che richiedonoi microrganismi per vivere: le buone condizioni di crescita per le piante sono anche benigni per i microorganismi presenti nei nostri prodotti. Di conseguenza, i microrganismi possono essere combinati con tutti i substrati.

    Tuttavia, si dovrebbe indagare attraverso prove di laboratorio se una soluzione o un substrato sono adatti per conservare miscele di microrganismi per lunghi periodi.

    Per esempio, se i nostri funghi formatori di endomicorriza si conservano miscelati con composta per diverse settimane, allora è probabilmente che non colonizzano bene le radici delle piante. Questo avviene in tre quarti dei casi, a seconda del tipo di composta, ma non è possibile prevedere se la composta è compatibile.

    I microrganismi che vengono alimentati in modo saprofita come Bacillus e Trichoderma possono germinare e colonizzare il substrato a contatto con una quantità sufficiente di acqua. Questo progresso nella crescita è positivo, ma la sua popolazione è in pericolo di declino con stoccaggio troppo lungo.